Scheda.1045 del Dossier diinizio

scheda precedenteelenco delle schedescheda successiva
linea
fig.1

Archi dell'antica Grecia

Cratere calice dei Niobidi
Ceramica
Orvieto, 460-450 a.C.
Parigi, Louvre

 

La prima delle due immagini
qui sotto selezionate
rappresenta Ercole a riposo.
La seconda raffigura Diana e Apollo,
nell'eccidio dei figli di Niobe.

fig.2

Gli archi nelle mani di queste figure
hanno stretti legami con quelli trovati
nella tomba di Tutankhamon.

La forma angolata dell'arco di Ercole,
nonostante qualche incongruenza nel
disegno della impugnatura, richiama
quella degli archi compositi sviluppati
in Mesopotamia.

fig.3

Gli archi nelle mani di Diana e Apollo,
hanno le estremitÓ dei flettenti ripiegati,
proprio come gli archi di tipo 'beta'
tipici dell'antico Egitto.

Da notare sono anche le due faretre,
molto simili a quelle tuttora in uso.
La faretra di Diana, posta dietro alle spalle,
Ŕ fatta per dare libertÓ di moto nel tiro di caccia.
Quella di Apollo, appesa al fianco sinistro,
Ŕ pi¨ adatta per il tiro da postazione fissa.

linea
luglio 2007